MENU

Ecomuseo delle acque

Cosa abbiamo fatto

Sin dall’inizio il progetto ecomuseale è stato indirizzato alla conoscenza e all’interpretazione del territorio, sia come entità fisico-ambientale che come realtà paesaggistico-culturale, con le sue presenze sociali, le attività, le tradizioni: un patrimonio costituito da beni materiali come luoghi di vita e di lavoro, ma anche immateriali come saperi tecnici, memorie e tradizioni su cui è importante soffermarsi non solo per osservare e riflettere, ma pure per ricercare, divulgare, riproporre.

Essendo l’ecomuseo un istituto culturale museale, è tenuto a inventariare e a catalogare il patrimonio culturale che fa capo all’ambito territoriale di riferimento, a conservarlo con progetti partecipati e finalizzati alla cura e al ripristino di luoghi e saperi e a valorizzarlo con azioni di divulgazione rivolte ai residenti e ai visitatori.


Inventariazione partecipata

Collezione ecomuseale

Inventariazione del patrimonio materiale e immateriale dell’Ecomuseo.

Mulino Cocconi

Catalogazione del patrimonio collegato al Museo dell’arte molitoria.

Mappa di Godo

Inventariazione partecipata del patrimonio della comunità di Godo (Gemona del Friuli).

Collezione Pecoraro

Catalogazione degli oggetti raccolti nel post-terremoto dal maestro Enrico Pecoraro.

Mappa del Fiume Ledra

Inventariazione partecipata del patrimonio legato all’utilizzo delle acque del Fiume Ledra.

Mappa di Montenars

Inventariazione partecipata del patrimonio della comunità di Montenars.

Mappa della Parrocchia di Santa Maria Maddalena

Inventariazione partecipata del patrimonio della comunità della borgata di Flaipano.


Progetti di conservazione

Ledra

Il Ledra è un fiume di risorgiva che drena le acque del Campo di Osoppo-Gemona, ambito territoriale di riferimento dell’Ecomuseo. Storicamente il fiume tracima dai suoi argini in particolari condizioni di forte piovosità rendendo conflittuali i rapporti tra chi vorrebbe difenderne l’integrità e chi invece, ad ogni nuova esondazione, chiede pesanti interventi di regimazione.
> Vedi progetto

Pan di sorc

Il Pan di sorc è un pane della tradizione contadina fatto con tre farine (mais cinquantino, segale e frumento) che rischiava l’estinzione per l’abbandono della coltivazione di questi cereali minori. Nel Gemonese veniva prodotto in una versione dolce e speziata frutto di una forte connotazione identitaria.
> Vedi progetto

Roccoli

Spettacolari strutture vegetali che venivano un tempo utilizzate per la cattura degli uccelli, sono la testimonianza del forte legame esistente tra gli abitanti di Montenars e l’ambito territoriale in cui vivono e operano e della profonda conoscenza di tutti quegli aspetti legati all’ambiente e ai cicli naturali che rischiano di andare perduti.
> Vedi progetto

Paniere dell’Ecomuseo

Nell’ambito di una collaborazione con la rete degli ecomusei italiani, l’Ecomuseo delle Acque ha proposto ad alcuni dei produttori del Gemonese di collaborare per la vendita diretta dei propri prodotti e partecipare uniti a manifestazioni fieristiche di promozione territoriale.
> Vedi progetto

Muri in pietra a secco

La pietra a secco senza l’utilizzo di leganti veniva utilizzata un tempo per erigere muri di confine, piccole costruzioni rurali e terrazzamenti e dall’Ottocento caratterizza il paesaggio agrario del Gemonese. Oggi sono pochi gli artigiani che conoscono la tecnica della costruzione in pietra a secco, motivo per il quale questo grande patrimonio culturale locale rischia di andare perduto.
> Vedi progetto

Cultura alimentare

L’Ecomuseo delle Acque sta lavorando per un catalogo ragionato delle peculiarità enogastronomiche dell’ambito geografico del Gemonese. L’attività di inventariazione viene condotta sul campo con la collaborazione di ristoratori e produttori. Tutto il materiale raccolto verrà inserito nel portale SIRPAC della Regione FVG, in quello del MiBACT e nell’Archivio della Memoria dell’ecomuseo.
> Vedi progetto


Iniziative di valorizzazione

Econet Europe

Progetto formativo promosso dal GAL Euroleader per studenti degli istituti superiori di Gemona che hanno partecipato a uno scambio culturale con studenti del GAL finlandese Suupohja Leader.
Le guardie giurate dell’acqua | Accadueo

Waiting for water

Progetto formativo sul tema dell’acqua, con le sue implicazioni sociali, economiche e creative, sia in prospettiva locale che globale, al fine accrescere la consapevolezza ed il rispetto nel nostro rapporto con l’acqua.

Un territorio a misura di bambino

Progetto formativo per le scuole primarie dei comuni di Gemona del Friuli, Artegna e Montenars finalizzato alla conoscenza e valorizzazione del territorio.

ZIRO: nascita e sviluppo di una zona industriale

Mostra documentaria sulla trasformazione paesaggistica, culturale e sociale di un’area che fino agli anni ’50 del Novecento era a larga vocazione agricola.

Percorsi di archeologia

Seminario “Dai singoli siti al sistema archeologico: problematiche e prospettive”. Per favorire un sistema di valorizzazione e promozione delle aree archeologiche del Gemonese.
Convegno “Percorsi di archeologia nel Gemonese” | Ecomuseum and archaeology

CAFC Educational

Percorso didattico sul ciclo dell’acqua e il servizio idrico integrato del Consorzio Acquedotto Friuli Centrale.

Inventario partecipativo

Seminario su catalogazione e valorizzazione del patrimonio locale. Musei ed ecomusei a confronto sulla “nuova museologia”.

Sovranità alimentare e agricoltura sociale

Presentazione del progetto per la valorizzazione culturale, paesaggistica, economica e sociale della Colonia “Sofia Pecol”.

Eco Slow Road

Rete di cooperazione per la valorizzazione dei territori ecomuseali dell’arco alpino.