MENU

LAB Terremoto

1976 frammenti di memoria

In un’area, il Gemonese, particolarmente esposta al rischio sismico, il tema della consapevolezza dei cittadini all’uso del territorio e al comportamento corretto in caso di eventi calamitosi non può essere affrontato solo a seguito di situazioni di emergenza ma deve rappresentare una priorità continua, da governare con gli strumenti dell’educazione e della formazione. In tale contesto il Laboratorio didattico sul terremoto, allestito dall’Ecomuseo delle Acque con il supporto scientifico dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma e il contributo del Comune di Gemona del Friuli e del GAL Open Leader, offre la possibilità di un apprendimento multidisciplinare del fenomeno sismico attraverso un approccio interattivo e partecipativo.

Il laboratorio è costituito da un percorso espositivo con cui vengono approfonditi argomenti complessi (la struttura della Terra, la teoria delle placche, l’origine dei terremoti, gli strumenti di rilevazione e misurazione, le misure di prevenzione, la geologia dell’Italia, del Friuli e del Gemonese) attraverso un linguaggio scientifico accessibile ma rigoroso. Ai pannelli riccamente illustrati si accompagnano vere e proprie postazioni interattive (exhibit) che consentono di “simulare” i fenomeni o di scomporli in modo da individuare i fattori e le dinamiche che li caratterizzano.


Orari di apertura
1 marzo | 24 dicembre: feriali e festivi dalle 10 alle 13; sabato anche dalle 15 alle 18
luglio e agosto: aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18
gennaio e febbraio: aperto solo il sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18
Chiuso 1 novembre, dal 25 dicembre a Capodanno, Pasqua, 25 aprile, 1 maggio
Per prenotare le visite turistiche o didattiche contattare la segreteria: +39 338 7187227
info@ecomuseodelleacque.it


Visita virtuale